Indirizzo Via Pavia, 50 - 27010 Borgarello (PV)
Orari apertura dal Martedì al Sabato
09:00 - 13:00
15:30 - 19:30
Azienda Agricola Somartii

Azienda Agricola Somartii

Sono Stefano Pesci, laureato in Scienze e Tecnologie Agrarie presso la facoltà di Agraria dell'Università degli studi di Milano.
L'Azienda nasce per hobby dalla passione per l'agricoltura e la terra tramandata da nonni e genitori.
Si trova in Albosaggia, un piccolo paese situato sul versante orobico delle Alpi Valtellinesi.
Tengo particolarmente a sottolineare la provenienza orobica perché è senza dubbio il versante in cui l'impatto dell' agricoltura intensiva è minore.
L'Azienda si occupa principalmente di miele, frutta e loro derivati.

Il nostro Miele

Per quanto riguarda il miele, le api producono principalmente miele millefiori di montagna e, quando l'annata lo consente, facciamo acacia.
Facendo nomadismo (che significa spostare le casse di api in luoghi dove potenzialmente potrebbero esserci fioriture per noi interessanti) facciamo castagno. Questo in un prato di mia nonna che si trova ad una altitudine di circa 550 m, sempre in Albosaggia.

Nelle annate migliori spostiamo le api in un maggengo sopra Albosaggia a 1800 m di altitudine per cercare di fare il millefiori di alta montagna che a seconda dell’ abbondanza della fioritura può risultare anche pregiato rododendro.

Utilizzo una alimentazione di supporto solo nel periodo invernale costituita da candito in pasta ed esclusivamente in caso di bisogno un'alimentazione stimolante con dello sciroppo zuccherino nel periodo primaverile.
Dal punto di vista della lotta contro la Varroa Destructor utilizzo i due classici trattamenti, uno estivo e uno invernale.
Il trattamento estivo, fatto verso la metà/fine luglio ovviamente dopo aver rimosso i melari, lo faccio con tavolette naturali al timolo e strisce a rilascio controllato di principio attivo.
Da alcuni anni in alcuni apiari sto sperimentando con successo l’utilizzo di acido formico o ossalico (metodi di lotta consentiti nel biologico).
Per il trattamento invernale su tutte le casse utilizzo l'acido ossalico gocciolato in assenza di covata (metodo di lotta consentito nel biologico).
Dal mio punto di vista, per il prodotto finale Miele, ritengo maggiormente importante la zona di produzione piuttosto che la tipologia di lotta contro la Varroa.
Se infatti luogo e le fioriture dove le api possono andare a bottinare sono esenti da inquinanti derivanti da altre colture o da traffico automobilistico, il miele che ne deriva sarà sicuramente un prodotto salubre e di alta qualità!

Il trattamento contro la Varroa che comunque è effettuato quando i melari sono già stati asportati dalle famiglie, serve a preservare la salute delle famiglie e non va a interagire in nessun modo con il miele.

La nostra Frutta

Oltre al miele, nel periodo estivo, si producono anche piccoli frutti e altra frutta.

Nello specifico mirtillo nero, more e frutti dalle piante da di famiglia come prugne, fichi, pesche, amarene, kiwi...
La varietà di Mirtillo Nero è la Duke, una varietà piuttosto precoce con pezzatura della bacca media.
La raccolta è concentrata nel mese di giugno e viene effettuata manualmente da me e i miei familiari.
Principalmente il prodotto viene venduto fresco ma da alcuni anni a questa parte, appoggiandomi a laboratori specializzati, faccio produrre confetture e nettare di mirtillo.
Anche le more in eccesso vengono trasformate in nettare.
Per le altre piante da frutto vale lo stesso discorso e negli anni in cui la produzione è maggiore il surplus è destinato alla trasformazione.
Con la collaborazione del laboratorio di trasformazione della Cooperativa di Albosaggia (SO) la frutta viene trasformata in confetture. Ciò che ottengo sono confetture e nettare di elevata qualità, grazie all'utilizzo della ''Bolla di Concentrazione'', che permette di preservare al massimo le caratteristiche della frutta fresca in quanto permette di far cuocere la massa ad una temperatura molto inferiore ai 100°C (in questo caso circa 60°C), sfruttando la tecnica del sottovuoto.
In alcuni tipi di confettura, l'utilizzo di pectina è volto a ridurre ulteriormente i tempi di cottura e far subire alla frutta un minore ''stress termico''.

Il Nettare di Mirtillo Nero e di mora lo faccio sempre produrre dalla Cooperativa Agricola di Albosaggia (SO) ed è un nettare con il 65% di frutta e solo nel caso delle more viene aggiunto un po’ di zucchero di canna per smorzare l’acidità altrimenti troppo elevata.
Nella coltivazione utilizzo tecniche più possibile naturali, senza l'utilizzo di nessun prodotto chimico.
Per la concimazione utilizzo letame maturo di bovino che prendo da aziende agricole locali.
Non effettuo nessun tipo di diserbo ma effettuo periodicamente lo sfalcio dell'erba.
Non effettuo nessun metodo di lotta contro parassiti e/o patogeni della pianta perché sono piante quasi spontanee e non cerco la massima produzione con la perfezione del frutto.
Questa è la mia idea di agricoltura, una Azienda Agricola volta a valorizzare al massimo le peculiarità del territorio e la qualità per il prodotto finale.

Iscriviti alla Newsletter!

Riceverai aggiornamenti su tutte le novità de Il Mercato 2.0, i produttori di ogni settimana e gli eventi in programma.

Privacy Policy

il Mercato 2.0

Filiera Minima Massolini Antonio

P.IVA: 02638270187

I nostri contatti

Sede Operativa: Via Pavia 50 , 27010 Borgarello (PV)

Telefono: 0382 925734

2020 © All Rights Reserved.
  • Privacy Policy
  • |
  • Cookie Policy
  • |
  • Powered by Blu System